• 06 44233388 - 0824 967757
  • info@masciaeassociati.it

Archivio dei tag Katia Mascia

La revoca assembleare dell’amministratore di condominio

Ipotesi di gravi irregolarità per la revoca dell’amministratore – Avv. Katia Mascia

 

Viene proposto un nuovo video sulle Ipotesi di gravi irregolarità per la revoca dell’amministratore.

In questo video l’avv. Katia Mascia illustra le ipotesi di “gravi irregolarità” che possono dare luogo alla revoca dell’amministratore di condominio.

Quella contenuta nel dodicesimo comma dell’art. 1129 c.c. è un’ elencazione non tassativa, bensì meramente esemplificativa, delle circostanze idonee a ledere il rapporto di fiducia esistente tra il Condominio e l’amministratore, tali da comportare la revoca di quest’ultimo.

Il video completo è visionabile al seguente link:

Gravi irregolarità e revoca dell’amministratore

 

Per ogni altra notizie o approfondimento, vi invitiamo a consultare la nostra apposita sezione al seguente link:

Approfondimenti – Mascia e Associati

Siamo presenti sui principali canali Social, nei quali postiamo le principali attività legate al nostro Studio.

 

Vi invitiamo a seguirci per rimanere aggiornati su ogni nostra novità.

– Facebook | Mascia e Associati

– LinkedIn | Mascia e Associati

– Instagram | Mascia e Associati

Revoca giudiziale dell’amministratore di condominio – Avv. Katia Mascia

Nel video che segue l’avv. Katia Mascia affronta il tema della revoca dell’amministratore di condominio  che può essere disposta dall’autorità giudiziale, su ricorso di ciascun condomino, in una serie di casi.

Il procedimento di revoca è disciplinato dall’art.64 delle disposizioni di attuazione al codice civile, come modificato dalla L n. 220/12.

Competente a pronunciarsi è il Tribunale del luogo dove si trova l’edificio condominiale, il quale provvederà in Camera di Consiglio, con decreto motivato, sentito l’amministratore in contraddittorio con il condomino ricorrente.

E’ possibile guardare il video completo dell’intervento al link che segue:

Revoca giudiziale dell’amministratore di condominio

 

Per ogni altra notizie o approfondimento, vi invitiamo a consultare la nostra apposita sezione al seguente link:

Approfondimenti – Mascia e Associati

Siamo presenti sui principali canali Social, nei quali postiamo le principali attività legate al nostro Studio.

 

Vi invitiamo a seguirci per rimanere aggiornati su ogni nostra novità.

– Pagina Facebook | Mascia e Associati

– Pagina LinkedIn | Mascia e Associati

– Pagina Instagram | Mascia e Associati

Katia Mascia – Riconoscimento di sentenza straniera di divorzio (Famiglia e diritto, 11/2011)

Riconoscimento di sentenza straniera di divorzio – K. Mascia

TRIBUNALE DI MONZA, sez. IV, 11 aprile 2011, n. 1104 – Pres. Miele – Rel. De Giorgio

Separazione giudiziale – Sentenza di divorzio pronunciata in uno stato straniero – Condizioni di validità – Riconoscimento dell’efficacia della sentenza straniera in Italia – Rispetto dell’ordine pubblico ed accertamento dell’intollerabilità della convivenza e irreparabilità della crisi coniugale.

(L. 31 maggio 1995, n. 218, artt. 3, 32, 64; Reg. CE 27 novembre 2003, n. 2201/2003, art. 3)

La sentenza di divorzio pronunciata da un tribunale dell’Ucraina è valida ed efficacia in Italia ove siano rispettati tutti i requisiti richiesti dall’art. 64 della l. 31 maggio 1995, n. 218 e non sia contraria all’ordine pubblico. Dunque, ai fini del riconoscimento dell’efficacia della stessa, a nulla rileva la circostanza che il diritto straniero preveda che la sentenza di divorzio possa pronunciarsi prescindendo dallo stato di separazione personale dei coniugi, richiesta dal diritto italiano al fine di consentire loro di valutare la possibilità di tornare sui propri passi, ritenendosi sufficiente che il divorzio segua l’accertamento del venir meno della comunione tra i coniugi e dell’irreparabilità della crisi coniugale.

Per visionare il testo della nota a sentenza, cliccare sul link qui di seguito indicato: Nota Mascia

Katia Mascia – Diritto di visita del genitore non affidatario (Famiglia e diritto, 8-9/2008)

Diritto di visita del genitore non affidatario – K. Mascia

TRIBUNALE DI NICOSIA, 22 aprile 2008 – Pres. Dagnino – Est. Sepe

Separazione consensuale – Diritto del minore alla bigenitorialità – Affidamento condiviso – Affidamento esclusivo – Interesse del minore – Modifica delle condizioni di separazione – Esercizio del diritto di visita del genitore non affidatario – Collegamento in video – ripresa su internet.

(C.c. artt. 155, 155 bis, 155 ter; c.p.c art. 710; l. n. 54/2006)

Il diritto di visita spettante al genitore non affidatario può essere esercitato, nei riguardi dei propri figli minori collocati a distanza, ricorrendo a forme di collegamento in video – ripresa su internet. A tal fine, però, è necessario che lo stesso genitore metta a disposizione della propria prole, a sue spese, idonea apparecchiatura, sopportando i relativi costi di gestione del collegamento. Tale forma di comunicazione, pur se ammessa, non deve tuttavia essere intesa come sostitutiva della relazione fisica tra genitori e figli.

(…)

Per visionare il testo della nota a sentenza cliccare sul link di seguito indicato: Nota Mascia